salta ai contenuti
 
 

STUDENTI CON DISABILITÀ

 

Gli allievi e le allieve con disabilità che frequentano la terza media e le loro famiglie, nel momento di decidere la scuola superiore in cui iscriversi, (o l'Ente di formazione dopo il 1° anno di Scuola superiore) sono sostenuti da insegnanti e operatori delle AUSL e la scelta viene condivisa all’interno del Gruppo Operativo.

 
 

L'Accordo di programma metropolitano per l’inclusione scolastica e formativa dei bambini e alunni e studenti con disabilità all'art 16 e seguenti e nel capitolo 6 conferma e ed esplicita l'impegno inclusivo di tutte le scuole superiori ed Enti di Formazione del territorio metropolitano.

Agli alunni con disabilità, in coerenza con le norme italiane, non è preclusa nessuna scelta: tutte le Istituzioni scolastiche e formative del secondo ciclo predispongono strumenti e servizi per una adeguata accoglienza ad alunni con bisogni educativi speciali e, tra di essi, agli alunni con disabilità.

 

È fondamentale, in particolare, che nella fase che precede l'iscrizione al secondo ciclo, le Scuole e gli Enti di Formazione rendano evidenti anche attraverso i propri siti istituzionali, in maniera semplificata ed accessibile alle famiglie, i propri impegni e i servizi possibili per accogliere in maniera adeguata i giovani con disabilità.

 

Le Scuole e gli Enti di Formazione inoltre individuano un referente che possa essere contattato per tempo dalle famiglie e dalla scuola media per approfondimenti e chiarimenti. Parte importante del percorso di orientamento è infatti rappresentato dal contatto diretto tra lo studente, la famiglia, i referenti della scuola frequentata con gli Istituti Scolastici di possibile accoglienza; tale contatto deve essere agevolato e semplificato.

 

Le Scuole Superiori elaborano ed attivano percorsi educativo-didattici per gli studenti con disabilità secondo:

 

a) una programmazione personalizzata curricolare;

 

b) una programmazione differenziata.

 

Per la tipologia a) la programmazione potrà prevedere contenuti ridotti o comunque personalizzati, verifiche uguali o equipollenti, sempre nel rispetto degli obiettivi essenziali dei singoli percorsi di studio.

 

Per la tipologia b) la programmazione si differenzierà da quella curriculare in vista delle specifiche esigenze didattiche educative dell’alunno; le verifiche saranno differenziate ed altrettanto la valutazione intermedia e finale.

 

Le scelte di programmazione e di valutazione andranno esplicitate nel Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.) e, a conclusione del percorso scolastico, la scuola, d’intesa con la famiglia e in coerenza con le scelte operate nel percorso, può rilasciare in alternativa al diploma un “Attestato di crediti formativi” al termine del quinquennio, valido e utilizzabile per la prosecuzione degli studi e l’inserimento nel mondo del lavoro.

 

Per gli alunni frequentanti gli ultimi anni della Suola secondaria di secondo grado, per i quali il Gruppo Operativo ha individuato l’opportunità di orientamento in alternanza con l’ambiente lavorativo, si possono prevedere Percorsi Integrati in Alternanza tra Formazione, Scuola e Territorio (P.I.A.F.S.T.) sostenuti dalla regione Emilia Romagna e realizzati con la collaborazione della Formazione Professionale. Tali percorsi si strutturano attraverso specifiche attività curricolari, svolte anche in ambienti esterni alla scuola (imprese e/o laboratori dell'Ente di Formazione), a valenza orientativa con la funzione di migliorare al termine del percorso scolastico l'avvicinamento al lavoro.

 

Gli Enti di Formazione Professionale accreditati prevedono percorsi anche personalizzati per i giovani con disabilità secondo:

 

a) una programmazione curricolare,

 

b) una programmazione differenziata (P.E.I. Differenziato).

 

cui corrispondono scelte operative diverse anche in sede di valutazione intermedia e finale .
Negli Istituti Professionali e negli Enti di formazione del sistema IeFP, in sede di valutazione finale per il conseguimento delal Qualifica triennale, la Commissione d'esame definisce gli obiettivi e le modalità di accertamento delle conoscenze e delle competenze apprese più appropriati per l'alunno con disabilità sulla base del suo P.E.I., delle valutazioni intermedie e della relazione finale prodotta in seno al consiglio di classe. A seconda dell'esito della valutazione finale all'alunno con disabilità al termine del triennio potrà essere rilasciata una Qualifica professionale, un Certificato di competenze o una Scheda Capacità e Conoscenze secondo il Sistema Regionale di Formalizzazione e di Certificazione, utilizzabili per l'inserimento lavorativo.

 

È possibile avere maggiori informazioni relative ai servizi offerti dalle Istituzioni scolastiche e dagl Enti di formazione contattando direttamente i dirigenti ed i referenti per la disabilità.

     
     
     

Città metropolitana di Bologna Via Zamboni, 13 40126 Bologna - Centralino 051 6598111 - P.I. 03026170377
e-mail: urp@cittametropolitana.bo.it - Posta certificata: cm.bo@cert.cittametropolitana.bo.it

 
 
torna ai contenuti torna all'inizio